CENTRO SPORTIVO ITALIANO - Comitato Provinciale di LECCE
24 luglio 2020

Pronti, ripartenza, via! Protocollo applicativo CSI per l’attività sportiva

La Presidenza nazionale del CSI ha aggiornato il proprio Protocollo in tema di misure per il contrasto ed il contenimento della diffusione da COVID-19, per lo svolgimento dell’attività ‘in sicurezza’

Nell’ottica della graduale ripresa dell’attività sportiva, dopo il riavvio dell’attività sportiva di base, dell’attività motoria in genere e dell’attività sportiva individuale, sempre nel rispetto delle esigenze di tutela della salute nella prevenzione del contagio da COVID-19, anche per gli sport di contatto è stata consentita la ripartenza.
In conformità al DPCM dell’11/6/2020, diverse Regioni e Province hanno deliberato in merito, autorizzando lo svolgimento di tali discipline sportive nel rispetto delle disposizioni in tema di tutela anti contagio COVID-19.
La Presidenza Nazionale del CSI ha aggiornato al 22 luglio 2020 il proprio Protocollo (in allegato) in tema di misure per il contrasto ed il contenimento della diffusione da COVID-19, per fornire indicazioni di carattere generale idonee a consentire l’espletamento delle attività in sicurezza, integrandolo anche con quanto suggerito dalla “Sezione di Igiene, Dipartimento Scienze della Vita e Sanità Pubblica dell’Università cattolica del Sacro Cuore” e con la supervisione della professoressa Stefania Boccia, Professore ordinario di Igiene.
I comitati CSI, contemperando le prescrizioni delle proprie Regioni e Province con quelle dei regolamenti tecnico-sportivi del CSI afferenti alle singole discipline, hanno facoltà di adottare regolamenti propri che vanno ad integrarle e sono finalizzati al corretto svolgimento dell'attività.
Il Protocollo è stato stilato partendo dal presupposto che le misure di prevenzione e protezione sono finalizzate alla gestione del rischio di contagio all'interno del sito sportivo e sono volte a garantire la sicurezza dello svolgimento dell’attività da parte di tutti i soggetti affiliati. Al riguardo, la Presidenza Nazionale ha catalogato tutte le proprie discipline sportive in base alla gravità del fattore di rischio da COVID-19, così come indicato in allegato.